“Questi risultati sono frutto di un lavoro intenso, sviluppato in quello che, per il Parmigiano Reggiano, rappresenta il primo mercato extra UE e il terzo mercato estero in assoluto, ma su di essi ha sicuramente inciso il rallentamento registrato negli ultimi mesi del 2014 per le attese degli operatori commerciali sui mercati valutari (tanto che l’anno si è chiuso con un – 8%) ed un rapporto euro-dollaro che si è consolidato come più decisamente favorevole alla divisa americana”.
E’ molto soddisfatto il presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Giuseppe Alai, a fronte degli ultimi dati dell’Istat sull’export di formaggi grana negli Stati Uniti, che evidenziano un incremento del 74% nel primo trimestre 2015. “Un risultato straordinario – sottolinea Alai – su un mercato che nel 2014 ha assorbito quasi 6.600 tonnellate di Parmigiano Reggiano e che, da solo, detiene una quota del 17,6% del totale delle nostre esportazioni, preceduto solo da Germania (20,8% dell’export di Parmigiano Reggiano) e Francia (20%) e che vede proprio il Parmigiano Reggiano ai vertici delle esportazioni di formaggi duri italiani negli Usa “.