Nei primi sei mesi dell’ anno, il valore delle esportazioni di prodotti alimentari italiani, è cresciuto dell’ 8%, grazie all’ effetto Expo. Entro fine anno, potrebbe raggiungere i 36 miliardi. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base di dati Istat relativi al primo semestre 2015.

A determinare la crescita sono stati proprio i primi due mesi dell’esposizione universale, con una crescita al 10% a maggio-giugno, di 3 punti percentuali superiore a quella registrata nel quadrimestre che ha preceduto Expo. Circa i due terzi delle esportazioni sono destinate ai Paesi dell’Unione europea con una crescita del 5%, ma il Made in Italy registra un vero e proprio boom negli Stati Uniti con un +28%, in Cina (+18%) e nei mercati asiatici in generale (+24%), anche se il risultato migliore è quello che viene dall’Oceania con un +29%.