Secondo uno studio Istat sullo stato della presenza online delle aziende italiane la macchina verso lo sviluppo in questo senso, procede ancora a velocità drammaticamente lenta: solo l’8,2% delle imprese italiane con almeno 10 addetti ha venduto prodotti online nel corso del 2013. Ovviamente la dimensione aziendale e il tipo di realtà incidono molto sull ’attitudine all’ ecommerce: il divario tra le imprese di minore dimensione e quelle più grandi è infatti pari a 37 punti percentuali nel settore manifatturiero, a 34 in quello delle costruzioni e a 18 nel settore dei servizi.

Per quanto riguarda i macrosettori, invece, è ovviamente quello dei servizi il più attivo nell’ ecommerce (44,5%). Fra le più coinvolte le attività editoriali (87,7%), hi-tech e ottica (81,1%), Ict (76,4%) e viaggi (75,9%).

Nel 2014 il 98,2% delle imprese italiane con almeno 10 addetti disponeva di una connessione a internet. Il punto è che la presenza sul web appare ancora legata a schemi da fine anni Novanta-primi Duemila: quella del sito vetrina, magari con una semplice pagina.

Anche per i social network i numeri sono scarsi: il 31,8% delle imprese con almeno 10 addetti usa una piattaforma social.