Padroneggiare l’uso degli hashtag piega l’algoritmo di Instagram alla tua mercé, comunicando chiaramente alla piattaforma a quale pubblico mostrare il tuo post.

L’obiettivo principale di Instagram è quello di tenere gli occhi degli utenti incollati alla piattaforma il più a lungo possibile e per fare in modo che ciò accada ha bisogno di proporre agli utenti contenuti che vogliano vedere.

Come fa Instagram a sapere quali contenuti terranno gli utenti attaccati allo schermo? Ovvio: tracciando tutto quello che fanno sulla piattaforma!

Gli hashtag sono un modo per categorizzare tutti i contenuti, come per esempio le cartelle di un computer. Le cartelle ci permettono di trovare quello che ci serve in maniera veloce ed efficiente, (di solito!)

Gli errori più comuni con gli hashtag

Vi sono molti errori che possono limitare la copertura e il tasso di interazione con un post. Vediamone alcuni.

Utilizzare Hashtag che sono troppo competitivi

Scegliere un hashtag troppo utilizzato avrà lo stesso effetto del gettare un sassolino in mare aperto o se preferite la metafora si troverà come un ago in un pagliaio. Il post si troverà infatti  in un gruppo con tantissimi altri post ed il pubblico target molto difficilmente lo noterà.

Scegliere hashtag non rilevanti

Il tipo di hashtag che scegli dice a Instagram che tipo di contenuto stai postando. Pertanto, padroneggiare l’uso degli hashtag signifa scegliere quelli più rilevanti per il tuo contenuto.

Utilizzare un hashtag non pertinente significa servire il contenuto ad un pubblico non interessato e di conseguenza otterrà un basso tasso di interazione. Anche nel caso miracoloso che il post riscuota tante interazioni, queste arriveranno da persone non in target, non rilevanti.

Hashtag specifici descrivono al meglio il contenuto così che possa raggiungere il pubblico adeguato.

Utilizzare sempre lo stesso hashtag

Non molti sanno che Instagram penalizza l’uso ripetuto dello stesso hashtag. Risulta importante quindi variare gli hashtag che si intende utilizzare, anche creando semplici variazioni.
Questo farà sì inoltre, che si raggiungano persone diverse e potenzialmente allargherà il  bacino di utenza.

Hashtag Ranking

Comprendere il sistema di ranking  è fondamentale per capire come gli hashtag possano aiutare nella crescita di un account instagram.
Ipotizziamo che un account con 10000 followers posti un contenuto di qualità e scelga l’hashtag #instagood (che ha 1.1 milioni di post ). Nello stesso momento, una celebrità con milioni di followers posta un selfie aggiungendo lo stesso hashtag, #instagood.

Al 100% il post della celebrità sarà mostrato nel gruppo degli hashtag selezionato, perchè ha un vasto seguito e come risultato un alto numero di interazioni. Sarà mostrato, non per la qualità del contenuto, ma per il numero di interazioni che genera, e scalerà il ranking del gruppo dell’hashtag mentre il tuo post passerà inosservato.

Si può quindi pensare al ranking hashtag come alla SEO, un processo di ottimizzazione del posizionamento dei propri post su Instagram.

Ne risulta che sia una buona pratica quella di fare le proprie ricerche approfondite per scegliere gli hashtag corretti, proprio come si farebbe con la scelta delle keyword per migliorare il posizionamento organico di una pagina sui motori di ricerca.

Nel prossimo articolo vedremo come si effettua una ricerca sugli hashtag, quali sono i tipi di hashtag e come impostare una corretta strategia.

Grazie per l’attenzione e ci vediamo nel prossimo articolo!